• Cattedrale int2

Corresponsabili nel quotidiano

Postato in Unitario

In attesa di incontrarci il prossimo 30 settembre in occasione dell’Assemblea straordinaria, alcuni articoli ci daranno alcuni spunti per riflettere anche all’interno delle nostre associazioni parrocchiali.

Il Primo spunto di riflessione ci viene donato dall’incaricata regionale del Settore Giovani, Eva.

Un abbraccio fraterno

La Presidenza Diocesana.

Cara AC di Cefalù,

alle porte di un nuovo anno associativo è bello poterci ridire e poter scegliere ancora una volta lo stile con cui decidiamo di stare nei nostri luoghi, nelle nostre parrocchie, nei nostri paesi, nella nostra vita!Come racchiudere in poche parole il nostro sì? Potremmo forse dirci appassionati, innamorati, sognatori ‘responsabili’?

Assemblea Diocesana Straordinaria - San Guglielmo 30 settembre 2018

Postato in Unitario

Siamo giunti a metà di questo triennio e siamo pronti a iniziare il nuovo anno associativo. Generare sarà il verbo che ci accompagnerà quest’anno. Generare significa apprendere la virtù dell’incontro, come disse Vittorio Bachelet, significa prendersi cura, ma anche dare avvio ad un processo di continua estroversione che spinge a “superare la logica di Marta in Lc 10,40, a pensarci sempre in relazione.”

NOI C’ERAVAMO!

Postato in Unitario

Un compleanno importante, i 150 anni dell’Azione Cattolica Italiana in Sicilia, un evento che non potevamo non festeggiare. E Noi c’eravamo! C’eravamo tra più di 3000 voci che - dai più piccoli ai più grandi - hanno riempito fin dalla prima mattina del 2 giugno scorso il sagrato della Cattedrale di Palermo per festeggiare insieme una storia di Bellezza, di Preghiera, di Azione e Sacrificio arrivata fino a noi.

Domenica delle Palme 2018 - Commento al Vangelo

Postato in Unitario

Con la celebrazione della Domenica delle Palme diamo inizio alla Grande e Santa Settimana che racchiude nelle singole celebrazioni dall’intenso valore evocativo l’unico Mistero della nostra fede: il Signore che muore e risorge per la nostra salvezza.
Il Vangelo di oggi ci immette già nel clima della passione preceduto dall’ingresso trionfale a Gerusalemme e ci mostra l’assurdità che accompagnerà gli ultimi giorni della vita terrena di Gesù. Infatti, se da un lato vediamo la folla che osanna il Benedetto che viene nel nome del Signore, dall’altra parte si erge il grido di chi sceglie Barabba e mette a morte il Giusto.